Home page > Discografia > Sicilia > Donni assassini (Donne assassine)

Donni assassini (Donne assassine)

Estratto dal DVD "Live in Brussels"
Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
La musica popolare si è spesso appropriata dei canti altrui, ci sono perfino esempi di canti in cui la melodia è stata presa da arie di musiche d’opera di Verdi. In questo caso, negli anni della prima guerra mondiale, i soldati siciliani al fronte scrissero questo canto, prendendo a prestito la melodia di una canzone allora (e tuttora) molto in voga, "’O surdato ’nnammurato".

Testo :

’Nzieme a mia c’era un surdatu, ca, mischinu, analfabbetu,

una littra ci arrivau, cia liggìu e facìa accussì:

"Caru sposu, c’è dda moda, m’hai a accattari a vesti nova ..."

Ohi donni, donni assassini, ’e mariti sunnu ’e cunfini,

e vuiautri, i ballarini, vu va’ strusciannu senza dignità.

Su nun faiu sa ccu ricu, ti rricusu pi’ maritu

minni vaju cu don Vito, quantu vogghiu iddu a mia mi fa.

Chistu fannu li mugghieri, mintri i sposi alli frunteri ...

Ohi donni, donni assassini, ’e mariti sunnu ’e cunfini,

e vuiautri, i ballarini, vu va’ strusciannu senza dignità.

Traduzione

Insieme a me c’era un soldato, che poverino era analfabeta,
gli arrivò una lettera, gliela lessi e diceva così:
“Caro sposo, c’è la moda, mi devo comprare una veste nuova”

O donne, donne assassine, i mariti sono al confine
e voi, con i damerini, vi strofinate senza dignità.

“Se non fai ciò che ti chiedo, ti rinnego come marito,
me ne vado con Don Vito, quel che voglio lui me lo fa”.
Questo fanno le mogli, mentre gli sposi sono alle frontiere!

O donne, donne assassine, i mariti sono al confine
e voi, con i damerini, vi strofinate senza dignità.

Rispondere all'articolo