Home page > Discografia > Friuli - Venezia Giulia > La mula de Parenzo (La ragazza di Parenzo)

La mula de Parenzo (La ragazza di Parenzo)

Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
La mula de Parenzo (in italiano La ragazza di Parenzo) è una canzone popolare nota nell’Italia settentrionale, in Istria e nel Quarnero, e anche in alcune zone della Slovenia occidentale e della Dalmazia.

La canzone ha diverse varianti, attribuibili ai vari dialetti veneti: il dialetto bisiaco, triestino, l’istroveneto ecc. Si tratta di una canzone di origini antiche che si riferisce alla città istriana di Parenzo (Poreč in croato), abitata, fino all’esodo istriano nel dopoguerra, per la maggior parte da italiani di lingua istriota.

La canzone è particolarmente diffusa in tutti i territori dell’ex litorale austriaco, anche tra le popolazioni di lingua slovena e croata, ed è abbastanza conosciuta anche nel vicino Friuli.

Testo :

La mula de Parenzo leri-lerà
ga meso su botega leri-lerà,
de tuto la vendeva, de tuto la vendeva;
... de tuto la vendeva, fora ch’el bacalà!
E perché non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian - Ih!, sta fermo coi man - Ih!,
Alpin - Ih!, va pian - Ih!, sta fermo coi man - e coi pè!!!

Me piase i bìgoî co le lugàneghe, Marieta damela per carità,
Marieta damela per carità, Marieta damela per carità.
Me piase i bìgoî co le lugàneghe, Marieta damela per carità,
Marieta damela per carità, sul canapè!

La me morosa xe vecia leri-lerà
la tegno de riserva leri-lerà,
e quando spunta l’erba, e quando spunta l’erba;
... e quando spunta l’erba, la meno a pascolar!
E perché non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian ...

Se ’l mare fussi de tocio leri-lerà
e i monti de poenta leri-lerà,
o mama che tociade, o mama che tociade;
... o mama che tociade, poenta e bacalà!
E perché non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian ...

Se ’l mare fussi de vino leri-lerà
e i laghi de marsala leri-lerà,
tuta la vita in bala, tuta la vita in bala;
... tuta la vita in bala, poenta e bacalà!
E perché non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian ...

Me piase i bìgoî co le lugàneghe ...

Traduzione

La ragazza di Parenzo, lerì lerà,
Ha messo su bottega, lerì lerà,
Vendeva di tutto, vendeva di tutto
... Vendeva di tutto, fuorché il baccalà.

E perché non mi ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, vai piano - Ih!, stai fermo con le mani - Ih! ... e con i piedi!

Mi piacciono i bigoli (una forma di pasta) con le luganighe (salsicce), Marietta dammela per carità ... sul canapè.

La mia fidanzara è vecchia, leri-lerà,
la tengo di riserva, leri-lerà,
e quando spunta l’erba, e quando spunta l’erba
... e quando spunta l’erba, la mando a pascolare.

E perché non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian ...

Se il mare fosse di sugo, leri-lerà,
e i monti de polenta, leri-lerà,
o mama che intingoli, o mama che intingoli!
... o mama che intingoli, polenta e bacalà.

E perche non m’ami più, vigliacca!

Alpin - Ih!, va pian ...

Se ’l mare fosse di vino, leri-lerà,
e i laghi di marsala, leri-lerà,
tutta la vita in ubriachezza, tutta la vita in ubriachezza. ... tutta la vita in ubriachezza, polenta e baccalà.

E perche non m’ami più, vigliacca!

Mi piacciono i bigoli ...