Home page > Discografia > Puglia > Lu rusciu te lu mare (Il fruscìo del mare)

Lu rusciu te lu mare (Il fruscìo del mare)

giovedì 1 gennaio 1970

Estratto dal DVD "Live in Brussels"
Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
Con questo bellissimo e antico canto popolare, originario di Gallipoli, entriamo nel magico mondo della musica salentina, la suggestiva "terra del rimorso" secondo Ernesto De Martino, affascinante per i suoi balli (primi tra tutti, tarante e pizziche) e l’incredibile, travolgente ricchezza.

Il canto narra dell’amore impossibile tra una nobildonna e un soldato. Il testo, per evidenziare quanto grande sia il divario sociale che li separa, ricorre a degli efficaci paragoni, per esempio mette in contrapposizione la parola "marita", utilizzata un tempo nelle occasioni ufficiali e formali, e la forma dialettale "’nzuru", utilizzata dalle persone umili; allo stesso modo la figlia del re porta con sé un fiore, simbolo regale, mentre al soldato spetta un modesto ramo di palma; lei parte per la Spagna, terra d’amore e di sole, e lui per la Turchia a combattere.

Ma nonostante queste forti differenze il soldato sente comunque un amore talmente forte nei confronti della nobildonna da giurarle amore eterno.

La sequenza delle strofe, in cui non sempre c’è una coerenza temporale (ad esempio la figlia del re prima si da la morte, poi si sposa), immerge il canto in un’atmosfera quasi onirica, molto suggestiva.

"Rusciu" è parola onomatopeica, che evoca perfettamente il rumore del mare.

Il canto è molto noto nel Salento, e ancora oggi lo si sente spesso cantare in quella terra, durante feste popolari o altre occasioni; in molti vi si riconoscono a tal punto da indicarlo come canto rappresentativo e ufficiale di tutto il Salento.


Testo:

Na sira ieu passai te le padule,
E ‘ntisi le ranocchiule cantare. (x2)

A una a una jeu le sentìa cantare
Ca me pariane lu rusciu te lu mare. (x2)

Lu rusciu te lu mare è mutu forte
La fija te lu re se tae la morte.

Iddha se tae la morte e jeu la vita
La fija te lu re sta se marita. (x2)

Iddha sta se marita e jeu me ‘nzuru
La fija te lu re porta nu fiuru. (x2)

Iddha porta nu fiuru e jeu na parma
La fija te lu re sta va ‘lla Spagna. (x2)

Iddha sta va ’lla Spagna e jeu ‘n Turchia
La fija te lu re è la zita mia. (x2)

E vola vola vola, palomba vola
E vola vola vola, palomba mia
Ca jeu lu core meu, ca jeu lu core meu,
ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare (x2)

Na sira ieu passai te le padule,
E ‘ntisi le ranocchiule cantare. (x2)
A una a una jeu le sentìa cantare
Ca me pariane lu rusciu te lu mare. (x2)
E vola vola vola, palomba vola
E vola vola vola, palomba mia
Ca jeu lu core meu, ca jeu lu core meu,
ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare (x2)

Traduzione:

Una sera me ne andai per le paludi,
e ho sentito le ranocchie cantare.

Ad una ad una le sentivo cantare,
e mi pareva il fruscìo del mare.

Il fruscìo del mare è molto forte,
la figlia de re si dà la morte.

Lei si dà la morte ed io la vita,
la figlia del re si marita.

Lei si marita ed io mi sposo,
la figlia del re porta un fiore.

Lei porta un fiore ed io una palma,
la figlia del re se ne va in Spagna.

Lei se ne va in Spagna e io in Turchia,
la figlia del re è la donna mia.

E vola vola vola, colomba vola,
e vola vola vola, colomba mia,
che io il mio cuore, che io il mio cuore,
che io il mio cuore te lo devo dare.

Rispondere all'articolo