Sostenete il "Canzoniere Popolare Italiano" con un dono alla sua associazione!
Home page > Discografia > Basilicata > La cupa-cupa

La cupa-cupa

giovedì 1 gennaio 1970

Estratto dal dvd "Live in Brussels"

La cupa cupa (con varie varianti locali chiamate cupo cupo, putipù o bufù) è uno strumento musicale popolare tipico dell’Italia Meridionale costituito da un recipiente, di solito in terracotta, coperto da una stoffa o membrana e una canna lunga e sottile. La canna viene legata al centro della membrana che la avvolge in punta ed è tenuta ferma da uno spaghetto. La membrana, a seconda della zona in cui lo strumento si trova, può essere realizzata in vari materiali, quali pelle di capretto o capra. Il suono viene prodotto strofinando la mano sulla canna, e mettendo così in vibrazione la membrana tesa. (wikipedia.it)


Mo so binutë e mo sond’arrivatë (x2)
chess’è la voscia ci la canëscita. (x2)

Rit.: Cup’e cupella ‘Nduniella mëje, accssì së cant’allu pajësë mëjë

Ci nën la canuscite e mo’ ve l’imparaja
ess’è la vocë ca porta ’a serenatë. [Rit.]

Ië so binutë da lundana via
pë rëvërië a vvosta signurìa. [Rit.]

La cupa cupa meië jè tanda v’ziósë,
nan zë në vèci na la dè na cósë. [Rit.]

Ij stóchj a candijë da sop’ a stu’ chiangona,
uè la patërònë vënl’ a jàprë lu’ p’rtona. [Rit.]

Lu timbë jè nivlë_ i’ chiov a stizzë a stizzë,
uè la patërònë vala a pigghj la salësizzë. [Rit.]

U gallë è cij e tènë li penni nera
damë la bonasér’ a lu marìtë i la migghièrë. [Rit.]

Traduzione:

Ora son venuto e ora sono arrivato
questa è la voce se la conoscete

Rit.: Cupa e cupella, Antonietta mia, così si canta al paese mio.

Se non la conoscete, adesso la imparate
questa è la voce per far le serenate. [Rit.]

Io son venuto da un lungo cammino
per far la riverenza a vostra signoria. [Rit.]

La cupa cupa mia è troppo viziosa
non se ne va se non le dai una cosa. [Rit.]

Io sto cantando sopra a questa pietra
ohi la padrona, vieni ad aprire il portone. [Rit.]

Il cielo è nuvoloso e piove goccia a goccia
ohi la padrona, vai a prendere la salsiccia. [Rit.]

Il gallo è qui e ha le penne nere
dai la buonasera al marito e alla moglie. [Rit.]

Rispondere all'articolo