Home page > Discografia > Abruzzo > Scura maie (Povera me)

Scura maie (Povera me)

giovedì 1 gennaio 1970

Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
Scura maje (conosciuto anche come mara maje) è un canto popolare abruzzese di ignoto autore. Il brano descrive il senso di abbandono e di dolore di una donna, divenuta vedova, costretta da sola a crescere i figli e ad occuparsi della casa.

L’origine dovrebbe essere medievale, sebbene sia del diciottesimo secolo la prima vera testimonianza del canto, denominato Scura mai, grazie alla pubblicazione di un libro di poemi dialettali a opera di Romualdo Parente, poeta di Scanno. Il testo, così come il titolo, varia di zona in zona, assumendo di volta in volta i connotati del dialetto del luogo.

Testo:

Scura màie scura màie / tu sè morte e chinda faccie
mo’ me straccie ’e treccie ‘n faccie / mo’ mi iette ‘n cuozze a taie
scura màie scura màie

M’ài lassate ‘na famiglia / scaize niude appititàuse
chind’appena ci risveglia / vuole ‘le pane e i’ ni ll’aie
scura màie scura màie

Mara maie, mara maie / scura maie, scura maie
mo m’accide, mo m’accide / ’n ncuozze a taie.

La tenàja na caserelle / mo’ nòn tienghe chiù riciette
senza pane e senza liette / scura màie scura màie

Jette a la casa de jù cumpare / a cercà la caretaje
ma pigliette chi ’na staje / scura màie scura màie

Chi scì mallitte, chi scì mallitte / quante prène cihàie fatte
[pe lu sanghe di ’nna gatta] / la cacciuna semp’abbàie
scura màie scura màie

Ier’a notte puòprie a st’àura / me ne jette pe cicòre
’t’a nna [spràja] li cujàiele / li mettàje pe ’ncuócce a tàja
scura màie scura màie

Mara maie, mara maie / scura maie, scura maie
mo m’accide, mo m’accide / ’n ncuozze a taie.

Steva grassa chimme a nn’orca / mo’ m’haie fatta secca secca
ci sta ’nu cane, che te lecca, / chi t’aùrla e chi t’abbaia
scura màie scura màie

So ’na pecora spirdute / lu mundune m’ha lassate
lu caccione sempre abbàie / pe la fame mo s’arraje
scura màie scura màie

mo’ m’arraje mo’ m’arraje / scura maje scura maje.

Traduzione :

Povera me, povera me / tu sei morto e io che faccio? Ora mi straccio le treccie in faccia / ora mi getto su di te / povera me povera me

Mi hai lasciato una famiglia / scalza nuda affamata che appena si risveglia / vuole pane e io non l’ho / povera me povera me

Guai a me, guai a me, guai a me! / Povera me, povera me, povera me! ora m’uccido, ora m’uccido / in braccio a te.

Ce l’avevo una casetta / ora non ho più riparo senza pane e senza letto / povera me povera me

Andai a casa del compare / a chiedere la carità mi ha preso con una spranga / povera me povera me

Che tu sia maledetto / quanto bene ti ho fatto per il sangue di una gatta / la cagna abbaia sempre / povera me povera me

Ieri sera proprio a quest’ora / sono andata per cicoria l’ho colta e messa in un cesto / l’ho messa su di te / povera me povera me

Guai a me, guai a me, guai a me! / Povera me, povera me, povera me! ora m’uccido, ora m’uccido / in braccio a te.

Ero grassa come un’orca / ora mi sono fatta secca secca c’è un cane che ti lecca / che ti urla e che ti abbaia / povera me povera me

Sono una pecora sperduta, / il montone mi ha lasciata, il cucciolo sempre abbaia, / per la fame ora si arrabbia / povera me povera me

Ora mi arrabbio, ora mi arrabbio / povera me povera me.

Rispondere all'articolo