Home page > Discografia > Campania > Sott’a sta finestrella (Sotto a questa finestrella)

Sott’a sta finestrella (Sotto a questa finestrella)

domenica 17 aprile 2016

Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
Montemarano, piccolo paese in provincia di Avellino, costituisce un esempio notevolissimo di originalità musicale; siamo in Campania, ma la musica di quel luogo ha sue caratteristiche proprie, ben diverse dai tratti napoletani. Gli etnomusicologi, che hanno studiato questo fenomeno fin dagli anni ’50, riconoscono in particolare alla "tarantella di Montemarano" caratteristiche uniche e ben distinte; queste sono descritte egregiamente da Giovanni Giuriati (che ringraziamo per l’amicizia e per averci fatto conoscere queste musiche) nel volume "Mascarà mascarà me n’a fatto ’nnamorà (Nota editore). Roberto De Simone, con la sua Nuova Compagnia di Canto Popolare, le ha reso omaggio con il brano "Alla montemaranese".

"Sott’a ’sta finestrella" è considerato dai montemaranesi come una sorta di icona musicale del proprio paese, un altro genere "classico" di questo universo musicale, insieme alla già citata tarantella.

Si tratta di una bellissima serenata, con un testo in cui un innamorato corteggia la sua amata. Nella registrazione originale è presente un riferimento testuale, tipico di questo genere di serenata, al committente della serenata stessa; nella nostra versione abbiamo peraltro evitato questa parte, per rendere il canto meno d’occasione e più valido in generale.


Testo:

Sott’a ’sta finestrella - nge sta na mammarella,
tene ’na figlia bella - ca me la voglio sposà. (x2)

N’aggio perse nottate - pe’ ind’a ’sti valluna,
sulo ’ste spine e ruve - recessero ’a virità. (x2)

Tu mamma va ’nge parla - si vavo io me ’mbroglio, ...
’a cortolella voglio - e no m’adda rice no. (x2)

Tengo ’na coperta - co’ tutti campanielli,
mo’ me ne iammo a corcà, ’sti cam - panielli ’anna sonà-na. (x2)

Ngoppa a ’sta finestrella - ’nce tiene ’no mazzo ’e rose,
a notte no reposo - pe’ penzà sempe a te-na. (x2)

Stanotte n’aggio rurmuto - pe’ penzà ’o tuoio ritratta, ...
’na fattura m’è fatto - e ’ngoppa ’o lietto no ’mpozzo rurmì-na. (x2)

T’olesse ra’ ’no vaso - addò mi piace a mme-na, ...
tu viri ’o paraviso - te ’utti ’mbraccia a mme-na. (x2)

Traduzione:

Sotto a questa finestrella c’è una mamma,
ha una bella figlia, me la voglio sposare.

Ne ho perse di nottate dentro a questi valloni,
solo queste spine e rovi direbbero la verità.

Vacci tu mamma, e parlagli; se ci vado io mi confondo.
Voglio la piccoletta, e non mi deve dire di no.

Ho una coperta con tanti campanelli,
ora ce ne andiamo a coricare, questi campanelli devono suonare.

Su questa finestrella c’è un mazzo di rose,
la notte non riposo per pensare sempre a te.

Stanotte non ho dormito pensando al tuo ritratto:
mi hai fatto un sortilegio, e sul letto non posso dormire.

Vorrei darti un bacio, là dove piace a me,
tu vedi il paradiso, e ti butti in braccio a me.

Rispondere all'articolo