Home page > Discografia > Campania > Serenata di Pulcinella

Serenata di Pulcinella

Cliccate qui per ascoltare e scaricare i nostri single dappertutto sulle piattaforme di distribuzione e le web-radio ...
È questa una composizione classica napoletana di Domenico Cimarosa (anche se questa paternità è controversa); siamo quindi in presenza di musica colta, almeno nella sua versione originale, ma che riflette meravigliosamente bene lo spirito popolare. Come spesso succede in questi casi, il popolo si è appropriato di questa composizione e l’ha fatta autenticamente sua. In effetti, secondo Giovanni Sarno (curatore di una monumentale antologia della canzone napoletana), questo canto è il risultato di una elaborazione, probabilmente stratificata nel tempo, di alcuni brani ricavati da musiche poco note di Cimarosa.

Domenico Cimarosa (1749 - 1801) è stato uno degli ultimi grandi rappresentanti della scuola musicale napoletana. Fu una delle figure centrali dell’opera, in particolare di quella buffa, del tardo Settecento.

Di eccezionale portata storica ed artistica sono le incisioni di questo brano da parte della Nuova Compagnia di Canto Popolare e di Peppe Barra. Notevoli anche le incisioni di Sergio Bruni, del 1974, e di Franco Ricci, ben anteriore. Entrambi danno vita, con la loro voce, ad una serenata iniziata a mo’ di scherzo ma che poi incalza con toni dolcissimi. Pulcinella, classica maschera della Commedia dell’Arte, si mostra in una veste piuttosto inedita, quella dell’innamorato deluso, che si porta sotto la finestra della donna amata e la invita ad affacciarsi, approfittando dell’assenza della madre. Ma è inutile, ahimè, la bella non s’affaccia e lo lascerà solo in mezzo alla piazza.


Testo :

Ué, ué, nenné, s’affaccia, ué, ué, nenné, s’affaccia, e ca sta’ Pullecenella, Pullecenella, Pullecenella ... te caccia la lenguella ... e dice i’ sto ccà, i’ sto ccà, ué ca i’ sto ccà! Te caccia la lenguella e dice io ‘sto ‘cca, io sto ‘cca, ué ca io sto ‘cca!

(recitato) E nun s’affaccia ancòra, e che tie’, nun me sente!

Ué, ué, cu ’sta resella, ué, ué, cu ’sta resella, e cu’ ’st’uocchie e cu’ ’sti vruoccole, cu’ ’sti vruoccole, cu’ ’sti vruoccole ... lu core comm’a spruoccole ... me staje a strazia’, a strazia’, ué a strazia’!

(recitato) E che t’aggio fatto de male? ma tu si sempre ’o core mio!

Gioia de ’st’arma mia jesce ccà ffora, ca mammeta nun c’è, jesce a ’mmalora.

(recitato) viento ventatela, munte muntatela, stelle stellatela, acqua annacquatela, fuoco ’nfucatela, pisce pisciatela!

Si craje tu truove ’nfosa ’sta chiazza so’ llacreme d’ammore e no sputazza.

(recitato) carugnona, carugnona, carugnona, carugnona, carugnona!

Traduzione:

Uè uè bambina, affacciati, che qua c’è Pulcinella, Pulcinella, Pulcinella ti tira fuori la lingua e dice vieni qua, vieni qua, e vieni qua! Ti tira fuori la lingua e dice vieni qua, che io sto qua, uè, che io sto qua!

E ancora non s’affaccia... ma che hai, non mi senti?

Uè uè con questo sorriso, con questi occhi e questi vezzi, questi vezzi, questi vezzi il cuore è come a pezzi, mi stai a straziare, a straziare, a straziare!

E che ti ho fatto di male? ma tu sei sempre il cuore mio!

Gioia dell’anima mia, esci qui fuori! Che mamma tua non c’è, esci una buona volta!

Vento ventatela, monti montatela, stelle stellatela, acqua annacquatela, fuoco infuocatela, pesci pesciatela!

Se domani trovi bagnata questa piazza sono lacrime d’amore e non sputi.

Carognona! ...

Rispondere all'articolo